Travis Strikes Again, quel bizzarro sentiero verso No More Heroes 3

di Dario Marchetti

I generi videoludici sono un po’ come quelli musicali. E se ogni band ha il suo stile, lo stesso vale per i game designer. E non ci sono dubbi che il più punk in circolazione sia Goichi Suda, in arte Suda 51, che ormai da vent’anni sforna videogiochi contraddistinti da un affinato senso per il nonsense, personaggi tarantiniani rimasticati dalla cultura nipponica e una sfrenata tendenza verso la rottura della quarta parete. Tra i titoli più celebri ci sono The Silver Case, il capolavorico Killer7 e la fortunata saga di No More Heroes, partita nel 2008 su Wii e rimasta, eccezion fatta per un remaster, su console Nintendo. E visto che sono passati quasi dieci anni da No More Heroes 2, Suda ha ben pensato di coccolare i fan con Travis Strikes Again, appena uscito in esclusiva su Switch.

Continua a leggere

Poste entra in community mondiale della tecnologia blockchain

di Francesco Taglialavoro

BlockchainPoste Italiane è entrata a far parte della community Hyperledger, un consorzio globale della Linux Foundation che raggruppa oltre 260 operatori mondiali, appartenenti a diversi settori industriali, uniti nello sviluppo di uno standard open source per la blockchain e le Distributed Ledger Technologies (DLT). La blockchain e le DLT, informa una nota, sono registri condivisi di informazioni ai quali hanno accesso tutti i partecipanti a una rete. Continua a leggere

Super Smash Bros. Ultimate, più Nintendo di così si muore

 

di Dario Marchetti

A pensarci ora, a vent’anni tondi tondi di distanza, l’idea che Nintendo avesse dato il benestare a un gioco che vedeva le sue mascotte darsela di santa ragione suona ancora folle. Eppure dal gennaio del 1999 a oggi, la serie di Super Smash Bros. ha finito per incarnare un oggetto di culto, un perfetto gioco da multiplayer sul divano, un veicolo di puro fanservice e una disciplina eSport di tutto rispetto. Dopo i successi di Brawl e Melee, usciti rispettivamente su GameCube e Wii, e il mezzo passo falso del capitolo per Wii U e 3DS, il nuovo capitolo Ultimate su Switch promette di essere, nomen omen, l’esperienza definitiva. Oggi come allora a garantire la qualità del tutto c’è Masahiro Sakurai, deus ex machina di questo franchise ma anche creatore di un certo Kirby. Continua a leggere

Just Cause 4, anche gli uragani (nel loro piccolo) s’incazzano

di Dario Marchetti

Di questa saga ho sempre adorato il titolo, un titolo semplice e immediato ma che si presta a molte letture. Just Cause nel senso di “giusta causa”, di qualcosa per cui vale la pena combattere. Oppure Just Cause (letteralmente “solo perché”), nel senso di qualcosa che viene fatto senza motivo preciso, anzi, solo per il puro gusto di farlo. E a livello “sonoro” potremmo anche tramutarlo in Just Chaos, “nient’altro che caos”, quello che ormai da quattro episodi il protagonista Rico Rodriguez va seminando per mezzo mondo, rovesciando regimi dittatoriali a colpi di lanciarazzi.

Continua a leggere

Soul Calibur VI, chi di spada maligna ferisce…

 

di Dario Marchetti

Forse sono l’eccezione che conferma la regola, ma in quanto schiappa colossale io nei picchiaduro mi sono sempre concentrato sui personaggi e le loro storie. Convinto che oltre a un sistema di combattimento fatto a modo servisse anche un motivo più o meno credibile che spingesse dozzine di personaggi a darsele di santissima ragione. E allora ecco che tra un Mortal Kombat e l’altro mi chiedevo perché e per come ci fossero un Sub-Zero smascherato e uno mascherato. Oppure il perché, gioco dopo gioco, Yoshimitsu di Tekken cambiasse costantemente aspetto, passando dall’aspetto di un ninja a quello di un alieno insettoide. Alcune di queste domande hanno trovato risposta, altre no. La mia fissazione per le storie però è rimasta la stessa.

Continua a leggere

Bandersnatch: Black Mirror, i videogiochi e il libero arbitrio

 

di Dario Marchetti

Oltre che geniale deus ex machina dietro la serie tv Black Mirror, Charlie Brooker è un gran furbacchione. Perché con Bandersnatch, film-episodio disponibile su Netflix, ha inaugurato l’era dei contenuti tv interattivi: all’interno della storia ci viene infatti chiesto, di tanto in tanto, di fare una scelta tra due opzioni (col telecomando della smart tv, o col dito, in caso di smartphone e tablet). Scelte che andranno a influenzare, più o meno, l’esito della storia e dunque anche il finale. Insomma l’intrattenimento on-demand incontra le storie a bivi, cartacee prima, elettroniche poi, dei bei tempi che furono.

Continua a leggere

Red Dead Redemption 2 è un mondo, non una simulazione

 

di Dario Marchetti

Scrivere di Red Dead Redemption 2 è un compito ingrato. Perché l’ultima creazione di Rockstar Games è sbarcata su console dopo una lunga gestazione e anni di hype totalmente fuori controllo, tanto che bastava qualche brandello di screenshot o un’immagine puramente promozionale per scatenare il visibilio dei videogiocatori di mezzo globo. Livelli di attesa meritatissimi, per carità, visto anche il livello qualitativo del predecessore e in generale la reputazione stellare di casa Rockstar. Ma che proprio per questo rendono difficilissimo avvicinarsi a questo mondo con lo sguardo privo di giudizi precostituiti.

Continua a leggere

Fallout 76, l’apocalisse è bella solo se condivisa

 

di Dario Marchetti

L’apocalisse, specie se nucleare, ha un fascino perverso tutto suo. C’è qualcosa di morboso e allo stesso tempo di eccitante nell’idea di un mondo che smette di esistere per poi rinascere dalle proprie ceneri radioattive. Da vent’anni la serie Fallout (il primo episodio risale al 1997) interpreta questo sottogenere letterario in chiave videoludica, sfruttando le meccaniche dei giochi di ruolo per raccontarci la vita dopo la caduta delle bombe. Tutti giochi eccellenti per meccaniche e qualità di scrittura, ma tutti pensati per un giocatore singolo. Almeno fino a Fallout 76, appena sbarcato su console e pc con una missione mica da poco: trasformare la più solitaria delle esperienze in un viaggio corale. Una roba che, inutile dirlo, ha suscitato la gioia di molti e la furia cieca dei puristi.

Continua a leggere

Darksiders III, questione di Furia

 

di Dario Marchetti

Poco più di otto anni fa, quasi dal nulla sbucò fuori un certo Darksiders, un videogioco che
mescolava combattimenti vagamente alla Devil May Cry e una struttura alla Zelda ma con
una direzione artistica deliziosamente fumettosa, supervisionata dal geniale Joe Madureira.
Il successo fu tale che appena due anni dopo un sequel era già sugli scaffali. E poi il vuoto
cosmico, sei lunghi anni di silenzio che, tra bancarotte del publisher THQ e asset andati
all’asta un po’ ovunque, ci avevano sottratto ogni speranza di vedere un altro videogioco
della serie. Ma a volte la forza di volontà è tale che persino dalle macerie si riesce a
rimettere in piedi un grattacielo. Né è la prova l’epopea di Gunfire Games, che con
Darksiders III ha riesumato, anzi, rianimato, un genere che credevamo ormai estinto. Continua a leggere