Destiny 2, una risata (spaziale) ci seppellirà

di Dario Marchetti

Quando a settembre di tre anni fa Destiny sbarcò su Xbox e Playstation, lo fece portando sulle spalle un carico di aspettative più unico che raro. La promessa di Activision, l’editore, e Bungie, lo sviluppatore divenuto celebre per la saga di Halo, era di creare un universo fantascientifico fatto di pianeti esplorabili, razze aliene e missioni al cardiopalma. Il tutto in un mondo condiviso, sempre online, dove interagire 24 ore su 24 con altri milioni di giocatori. Con la garanzia che il gioco sarebbe stato supportato per almeno un decennio, con budget da far impallidire anche il più grosso dei kolossal hollywoodiani.

Continua a leggere

Tecnologia. Colloquio a tutto campo con Stefano Mosconi

di Francesco Taglialavoro

Le maggiori società di software per gli smartphone hanno sede negli Usa. Android, iOS e Windows mobile. Ci sono queste compagnie dietro alle nostre telefonate e tutto ciò che oggi si fa (Web, chat, video-games, etc. etc.) con un telefonino in mano. Qualche anno addietro Nokia lanciò un progetto per un software open source per telefonini, coinvolgendo diversi sviluppatori, (fra i quali l’italiano Stefano Mosconi) ma Nokia poi decise di usare il sistema di Microsoft. Meego, il sistema a cui lavorava il team open source della società finlandese, diede vita al sistema Sailfish OS che venne installato nei devices di Jolla, società creata da alcuni fuoriusciti dalla Nokia. Qualche anno sul mercato con telefonini e tablet, anche prototipi di smart watch, poi Jolla passò a una politica di licensing e oggi si dirige verso i mercati russo e cinese. Ripercorriamo con Stefano Mosconi questi anni fino ai giorni nostri.

Continua a leggere

Nier: Automata, gli androidi giapponesi al potere

di Dario Marchetti

Quando un videogioco cerca di mettere insieme più generi, sfuggendo alle catene di una singola “etichetta”, come quella di sparatutto o gioco di ruolo, spesso si assiste a un vero disastro creativo. Non è il caso di Nier: Automata, un titolo per PS4 e PC appena arrivato dalla Terra del Sol Levante per mano di Yoko Taro, geniale quanto strambo game designer nipponico. Continua a leggere

Clips, Stories e Snap, il trionfo degli instant video

di Dario Marchetti

Brevi, istantanei e pronti a sparire dopo 24 ore. Sono i contenuti fugaci che ormai, da Snapchat in giù, hanno preso d’assalto quasi ogni social network. A partire dall’universo Facebook, che sta testando la funzione delle “Storie” sia sulla piattaforma ammiraglia che su Instagram, Messenger e WhatsApp, dove è stata già mandata in pensione. Fino ad Apple, che ad aprile, con l’aggiornamento al nuovo iOS 10.3, lancerà un’app gratuita chiamata Clips.

Continua a leggere

Roma, arriva il festival del videogioco

di Francesco Taglialavoro

La kermesse è promossa da QAcademy e Let’s Play, in collaborazione con la Regione Lazio e l’Aesvi (Associazione Editori e Sviluppatori Videogiochi Italiani), con il sostegno del ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Si tratta di un evento nuovo per una realtà come quella del videogioco, che conta in Italia decine di milioni di appassionati e un giro d’affari che sfiora il miliardo; si rivolge a operatori e fan del mondo dei videogame, e promuove l’incontro tra operatori italiani e internazionali, esperti, giornalisti e istituzioni, per sostenere lo sviluppo del tessuto imprenditoriale legato alla creatività e all’innovazione. La Regione Lazio è presente con uno stand di circa 500 mq nel quale, oltre a presentare tutti i suoi servizi, opportunità e luoghi (Spazio Attivo – Fab Lab) a disposizione delle startup e dei giovani creativi, propone una serie di workshop inerenti l’utilizzo delle nuove tecnologie. Continua a leggere

Le “Olimpiadi robotiche” a Bastia Umbra e la Rome Cup 2017. Sfida tra programmatori in erba

di Francesco Taglialavoro


Sabato 18 e domenica 19 marzo a Expo Elettronica a Umbriafiere (Bastia Umbra) otto piccoli robot – interamente programmati da studenti perugini – si sfideranno in un torneo di calcetto, in una gara di velocità e in un combattimento di sumo: i giovani in gara sono degli istituti tecnici e professionali “Volta” e “Cavour-Marconi-Pascal” di Perugia, “Polo – Bonghi” di Assisi, IIS Tecnico Professionale di Spoleto, Istituto Professionale Industria e Artigianato di Todi, il polo tecnico del Franchetti Salviani di Città di Castello e il “Salvatorelli – Moneta” di Marsciano che partecipa sia con le classi dell’indirizzo tecnico che professionale. Ma Expo Elettronica è anche sinonimo di prodotti tecnologici nuovi o usati, fumetti, cosplayer, videogiochi. Continua a leggere