Hollow Knight e Dead Cells, due filosofie ludiche da scoprire su Switch

Spread the love

 

di Dario Marchetti

Non potendo competere in termini di potenza con le altre console, la Switch di Nintendo si è da subito posizionata su un segmento diverso, puntando come al solito sui titoli prodotti interamente dalla casa di Kyoto e sulle migliaia di titoli indie in circolazione, molti dei quali perfetti per le capacità, e peculiarità, di questa macchina ibrida. Tra questi ce ne sono in particolare due, Hollow Knight e Dead Cells, entrambi non nati su Switch ma che proprio sulla console Nintendo hanno incontrato un successo straordinario. Due titoli che, a modo loro, reinterpretano due dei filoni più popolari degli ultimi anni, i metroidvania e i roguelike, con in comune una cura maniacale, quasi amorevole, per ogni minimo dettaglio.

Hollow Knight, firmato dagli australiani di Team Cherry, è a tutti gli effetti un metroidvania (dai due titoli capostipite Super Metroid e Castlevania: Symphony of the Night), ovvero un gioco bidimensionale a scorrimento, con una gigantesca mappa esplorabile e potenziamenti da sbloccare man mano che si avanza, utili nel combattimento ma anche per accedere ad aree inizialmente a noi precluse. Quello che sconvolge di Hollow Knight è prima di tutto l’atmosfera cupa, malinconica, con uno stile visivo inquietante e allo stesso tempo ipnotico. Tutto, dagli sfondi ai personaggi passando per le animazioni, sembra prendere vita come da un foglio di carta, disegnato quasi in tempo reale sullo schermo. I metroidvania sono in genere giochi molto “solitari”, con un protagonista silenzioso e solo mostri aggressivi a farci da compagnia. Hollow Knight segue questo trend ma con qualche riserva, regalandoci anche nemici e comprimari dotati di un’anima, una storia, legata a doppio filo a quella del mondo di gioco, ormai corrotto e decadente. Senza dimenticare il fattore sfida: il sistema di combattimento è bello tosto, con posizionamenti che richiedono precisione millimetrica, un sistema di potenziamento modulabile a piacimento e una buona dose di possibilità strategiche, tra cura e attacchi speciali. Alcune sezioni finali del gioco faranno perdere la calma anche ai giocatori più navigati. Ma spendere decine e decine di ore nel mondo di Hollow Knight è una delle esperienze da non perdere, soprattutto per chiunque abbia una Switch tra le mani.

L’altra faccia della medaglia è Dead Cells, vergato dai francesi di Motion Twin, venuto alla luce dopo un lungo periodo di gestazione sottoforma di early access. Qui siamo di fronte a un roguelite, cioè ispirato ai principi del buon vecchio Rogue (livelli diversi a ogni partita, perdita di progressi a ogni sconfitta, etc.), ma con una formula più moderna. Sì perché ogni volta che si muore, in Dead Cells si ricomincia da capo. Ma non per questo da zero: parte dei progressi accumulati, in particolare certi potenziamenti, traghettano nella partita successiva. A differenza di Hollow Knight, qui la parola d’ordine è rapidità: ogni nuovo inizio porta con sé sfide diverse, chiedendo a noi giocatori di adattarci di conseguenza per uscirne indenni e arrivare, con un singolo tentativo, fino al boss finale. Se il gioco di Team Cherry richiede esplorazione e pazienza, Dead Cells punta tutto sul mordi e fuggi, partite più o meno rapide da portare a termine in qualsiasi momento, senza troppi fronzoli. Lo stile grafico passa dal disegno a mano ai cari vecchi pixel, e al posto di un mondo malinconico ne troviamo uno sì oscuro, ma condito da una buona dose di sarcasmo e autoironia.

Insomma, due facce di una medaglia che dimostrano come, anche su uno schermo più piccolo e su una macchina meno potente, non si debba rinunciare a titoli di altissima qualità. E che anche giocare nei ritagli di tempo non significa dedicarsi per forza a qualche giochino da smartphone. Non quando ci sono piccoli capolavori del genere in circolazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *