Linux sul drone elicottero Ingenuity della Nasa

di Francesco Taglialavoro

Tim Canham, capo delle operazioni su Marte dell’elicottero Ingenuity della Nasa, risponde alle nostre domande

Il Rover Perseverance è partito dalla Terra il 30 luglio 2020 ed è arrivato su Marte il 18 febbraio 2021 (Fotogallery). Il rover ha quindi cercato un punto per ‘rilasciare‘ l’elicottero Ingenuity. Il primo volo su Marte è avvenuto il 19 aprile 2021.

Composto da quattro gambe, un corpo e due eliche sovrapposte, Ingenuity pesa solo 1,8 kg e misura 1,2 mt da punta a punta della lama. L’elicottero ha bisogno del sole per alimentare i suoi pannelli solari e sopravvivere mantenendosi caldo durante le gelide notti marziane. Sono previsti fino a cinque voli di difficoltà graduale, distribuiti su un mese. Il programma per questo elicottero è costato alla Nasa circa 85 milioni di dollari. In futuro, tali imbarcazioni potrebbero rivelarsi cruciali per l’esplorazione planetaria, essendo in grado di andare dove i rover non possono, per esempio sui canyon. L’agenzia spaziale statunitense sta lavorando a un altro progetto di veicolo volante, la missione Dragonfly, che invierà un drone alla più grande luna di Saturno, Titano, nel 2026 e la raggiungerà nel 2034. Esperimenti di volo di macchine non motorizzate su un altro pianeta hanno già avuto luogo in passato, ha ricordato la NASA, con l’invio nel 1985 di palloni-sonda su Venere nel quadro del programma Vega, una collaborazione tra l’URSS e altri paesi, di cui la Francia. Continua a leggere

Il ventesimo Linux Day !

di Francesco Taglialavoro

Gli appassionati di Linux questo weekend hanno potuto prendere parte al Linux Day 2020. La ventesima edizione della principale manifestazione nazionale dedicata al sistema operativo ideato nel 1991 da Linus Torvalds si è svolta sabato 24 e domenica 25 ottobre, promossa dall’associazione ILS (Italian Linux Society), con il patrocinio del Ministero per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione. Continua a leggere

Poste entra in community mondiale della tecnologia blockchain

di Francesco Taglialavoro

BlockchainPoste Italiane è entrata a far parte della community Hyperledger, un consorzio globale della Linux Foundation che raggruppa oltre 260 operatori mondiali, appartenenti a diversi settori industriali, uniti nello sviluppo di uno standard open source per la blockchain e le Distributed Ledger Technologies (DLT). La blockchain e le DLT, informa una nota, sono registri condivisi di informazioni ai quali hanno accesso tutti i partecipanti a una rete. Continua a leggere

Ibm comprerà Red Hat per 34 miliardi di dollari

di Francesco Taglialavoro

Si tratta di una acquisizione importante per il settore tech. Red Hat da 23 anni diffonde in ambienti professionali il sistema operativo Linux e diverso software sviluppato con tecnologie open source. Ibm è il gigante che tutti conoscono e che nasce 107 anni fa.

La più giovane società dal cappello rosso opererà come una distinta unità all’interno del team Ibm del cloud hybrid. Unendo le forze Ibm e Red Hat accelereranno l’impatto innovativo dell’open source in una più ampia  scala. La cifra dell’operazione è di circa 34 miliardi di dollari, la notizia è stata annunciata da Red Hat sul proprio sito. Continua a leggere

Librem 5 di Purism, in arrivo uno smartphone con Gnu/Linux

di Francesco Taglialavoro

La diversità della compagnia americana Purism rispetto ad altre nell’ambito Ict si intuisce dal nome. Si dichiarano “puri”; per i device che mettono in commercio adoperano hardware e software che “non spiano” l’utente. Dal 2015 questa azienda di San Francisco ha costruito dei notebook, adesso sta raccogliendo fondi per realizzare uno smartphone (Librem 5) con un prezzo di partenza di 599 dollari.

Continua a leggere

Un supercomputer sulla ISS

di Francesco Taglialavoro

La navetta cargo “Dragon” senza equipaggio è stata lanciata con successo da Cape Canaveral verso la Stazione Spaziale Internazionale, con a bordo una serie di esperimenti scientifici e il più potente computer mai messo in orbita. Tre minuti dopo il lancio il primo stadio del vettore Falcon 9 si è separato per poi atterrare come previsto nello stesso Cape Canaveral utilizzando dei retrorazzi, poco dopo la Space X ha confermato l’ingresso in orbita della Dragon, che dovrebbe attraccare sull’Iss mercoledì.

Continua a leggere