Everything, se un videogioco finisce candidato all’Oscar

Spread the love

di Dario Marchetti

Prima o poi doveva succedere: un videogioco rischia di finire in nomination agli Academy Awards, meglio conosciuti come premi Oscar. Ma cosa c’entra un videogame con il mondo del cinema? Abbastanza, se di mezzo c’è David O’Reilly, artista visuale irlandese che nel 2014 si è messo in testa di iniziare a creare esperienze interattive. Dopo Mountain del 2014, un gioco nel quale non si può far altro che fissare una montagna digitale, ricevendo in cambio massime di ogni tipo, O’Reilly ha portato avanti il suo esistenzialismo virtuale con Everything, un titolo nel quale noi giocatori possiamo, letteralmente, diventare qualsiasi cosa, da un microscopico batterio fino a un’intera galassia. Vorrei ci fosse un modo più efficace di spiegarlo, ma è davvero tutto qui. Giocare per credere.

E se tutto questo suona davvero bizzarro, tranquilli: lo è per davvero. Per qualche motivo Everything ha vinto il premio per la migliore animazione allo Shorts Festival di Vienna. Una vittoria stramba, visto che proprio le animazioni sono uno degli aspetti più rudimentali e meno curati del titolo, ma che gli garantirà un posto sulla lista dei potenziali candidati a un Oscar come miglior cortometraggio animato. Niente male, per un videogame che viene meno a praticamente ogni singola aspettativa del giocatore medio, sovvertendo l’idea stessa di videogioco. E soprattutto una manna dal cielo per chi, da lungo tempo, lotta con le unghie, denti e controller per far avverare l’equazione videoludico uguale arte. In bocca al lupo, Everything!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *